Le Ciriole, pasta fresca tipica dell'Umbria

  • Autore: CLAUDIO FEDERICONI
  • 29 nov, 2017
ciriole fresche

La cucina tipica umbra, storicamente, prevede l'utilizzo di materie prime povere e popolari.

Ultimamente, però, è stata molto rivalutata proprio per le sue caratteristiche: è una cucina fatta di ricette semplici e gustose che, opportunamente rivisitate e presentate, strizzano l'occhio a quello che oggi definiamo gourmet .

I piatti tipici umbri sono spesso legati all'utilizzo di cereali, legumi, pane e pasta, ma altrettanto nota è la lavorazione dei salumi, fiore all'occhiello della gastronomia di questa regione. Chi non conosce, ad esempio, il delizioso salame norcino? Una vera delizia per il palato insieme al tartufo, pregiato tubero comune in questa regione, che pure è di uso frequente nella tradizione culinaria umbra.

Soffermiamoci in particolare su uno dei primi piatti umbri più conosciuti ed apprezzati: le Ciriole.

Le origini di questa gustosa pietanza

Se siete già stati in Umbria, vi sarà sicuramente capitato di assaggiare questa gustosa pietanza dall'aspetto lungiforme che ricorda un po' quello delle fettuccine o dei bigoli veneti.

Le Ciriole sono tipiche della città di Terni e della sua provincia, ma ormai sono entrate di diritto a far parte della tradizione gastronomica umbra nella sua interezza. Il termine "ciriole" è riconducibile al latino "cereus", ovvero della stessa tonalità della cera. Questa pasta, infatti, è realizzata esclusivamente con acqua e farina di grano tenero: da qui il tipico colore bianco che la caratterizza.

La totale assenza di uova nell’impasto determina un altro aspetto fondamentale di questa preparazione: le Ciriole vanno lavorate solo con le mani, per evitare che perdano porosità e non assorbano il condimento a dovere.

Le Ciriole preparate alla ternana

Come per tutti i tipi di pasta fresca, le Ciriole vanno preparate e cucinate subito, altrimenti c'è il rischio che si attacchino al piano di lavoro. Il nostro consiglio è di cospargere il piano con parecchia farina e di gettarle nell’acqua bollente evitando un'eccessiva caduta della farina in pentola.

Ma come si cucinano le Ciriole alla ternana? La ricetta di base prevede un sughetto di accompagnamento molto semplice: pomodoro, aglio, olio extravergine ternano DOP e peperoncino come da tradizione. Questo tipo di pasta speciale si presta anche a numerose rivisitazioni: è possibile, ad esempio, preparare le Ciriole con funghi e tartufo o con un sugo di pomodoro e funghi. Un'altra variante particolarmente nota ed apprezzata è quella delle Ciriole alla norcina, la cui ricetta prevede il sughetto di base con aggiunta di salsiccia sbriciolata e soffritta.

Se non avete mai assaggiato le Ciriole, vi consigliamo di provarle prima di tutto nella versione tradizionale ternana.

La preparazione della pasta richiede un po' di tempo, ma il risultato è assicurato: buon appetito!
Autore: CLAUDIO FEDERICONI 07 dic, 2017

L'Umbria è una regione affascinante e ricca di mistero: città e paesi dominati da rocche e castelli medievali, la cui storia si lega a magiche leggende tramandate da generazioni.

In un contesto così intrigante non potevano non inserirsi anche aneddoti legati alla tradizione gastronomica del luogo.

Oggi vogliamo raccontarvi il mito che sta dietro ad una delle preparazioni dolciarie umbre più note: il Torciglione.
Autore: CLAUDIO FEDERICONI 29 nov, 2017

La cucina tipica umbra, storicamente, prevede l'utilizzo di materie prime povere e popolari.

Ultimamente, però, è stata molto rivalutata proprio per le sue caratteristiche: è una cucina fatta di ricette semplici e gustose che, opportunamente rivisitate e presentate, strizzano l'occhio a quello che oggi definiamo gourmet .

I piatti tipici umbri sono spesso legati all'utilizzo di cereali, legumi, pane e pasta, ma altrettanto nota è la lavorazione dei salumi, fiore all'occhiello della gastronomia di questa regione. Chi non conosce, ad esempio, il delizioso salame norcino? Una vera delizia per il palato insieme al tartufo, pregiato tubero comune in questa regione, che pure è di uso frequente nella tradizione culinaria umbra.

Soffermiamoci in particolare su uno dei primi piatti umbri più conosciuti ed apprezzati: le Ciriole.
Autore: CLAUDIO FEDERICONI 17 ott, 2017
Grazie al suo incredibile patrimonio naturalistico, l'Umbria è una delle mete favorite dagli amanti della natura e delle escursioni. Laghi, fiumi, monti, parchi e riserve caratterizzano un territorio mozzafiato, perfetto sia per gli escursionisti più allenati sia per le famiglie che vogliono passare del tempo immersi nel verde. Abbiamo selezionato per voi alcune delle attrazioni naturali più belle della regione.
Autore: CLAUDIO FEDERICONI 07 set, 2017

L'Umbria è una regione generosa che regala ai suoi abitanti e visitatori non solo splendidi paesaggi, scorci mozzafiato e uno sterminato patrimonio artistico, ma anche tantissime meraviglie culinarie rinomate a livello internazionale.

Basata sulla tradizione, la cucina umbra attinge a piene mani dagli squisiti prodotti della terra, che ripropone insieme alla carne in lavorazioni generalmente non troppo elaborate, proprio per non alterare lo squisito sapore delle materie prime del territorio. Le sue origini risalgono a tanto tempo fa: vanno ricercate nelle civiltà degli Umbri e dei Romani, da cui deriva anche il diffuso uso di legumi e cereali. Scopriamo insieme alcune delle gemme gastronomiche di una delle regioni più incantevoli d'Italia.
Autore: CLAUDIO FEDERICONI 28 ago, 2017

Desideri una location unica per il tuo matrimonio? Organizzalo in Umbria: natura, buona cucina e uno straordinario patrimonio artistico faranno da cornice perfetta per il tuo giorno più bello.

Sono tantissimi i borghi, le ville, i castelli e i paradisi naturali ideali per accogliere sposi e invitati in tutte le stagioni.
Scopriamone alcuni e lasciamoci incantare dalle meraviglie di una regione che non cessa mai di stupire.
Share by: